Read More…

"/>

autoresponder-email-service

Ciao,

con questo post voglio far puntare la tua attenzione su un aspetto molto importante per il tuo marketing online, impostato in ottica di Direct Marketing:

come costruire e gestire la mailing list per la tua azienda, cioe’ il tuo database di email di aziende (se sei nel settore b2b, cioe’ business to business) oppure di email dei tuoi clienti o potenziali clienti (se sei nel settore del b2c , business to consumer oppure e commerce ).

Nelle strategie di marketing aziendale e’ un tema spesso ampiamente sottovalutato e poco conosciuto, sia negli aspetti tecnici (ad es quale software utilizzare per creare una mailing list, come non fare spam, etc) sia negli aspetti proprio di direct email marketing (cioe’ come comunicare con la lista di email, come strutturare una campagna di email marketing per la vendita di un prodotto o per dare semplicemente informazioni che educhino la tua lista, etc.)

Siccome di cose da dire ce ne sarebbero una marea 🙂 oggi voglio focalizzare la tua attenzione soprattutto su un punto molto importante:

===========================
COSA NON DEVI FARE
===========================

Parleremo degli aspetti piu’ tecnici: cioe’ gli errori che NON devi commettere nella creazione e nella gestione della mailing list della tua azienda e soprattutto di che tipo di software e servizi NON devi utilizzare nel tuo Business Online (se vuoi fare le cose seriamente ed eticamente)

In post successivi, invece, affrontero’ le tecniche di comunicazione piu’ efficaci (anche per evitare di essere percepiti come spammer da coloro che ti hanno dato il consenso ad essere ricontattati).

Prima di tutto voglio introdurti il concetto di Autoresponder o Autorisponditore, cioe’ quei servizi o software che ti permettono di raccogliere i dati dei tuoi clienti o potenziali clienti, tramite un form che inserisci sul tuo sito oppure all’interno di una squeeze page o nella landing page.

Una volta inseriti i dati del tuo potenziale cliente all’interno dell’autoresponder puoi spedire loro email, seguendo varie tecniche di email marketing.

L’ho fatta estremamente semplice !

In realta’ l’autorisponditore e’ una vera e propria “macchina automatica” per fare marketing che, se gestita nel modo giusto, puo’ farti aumentare le vendite in modo drastico, attraverso l’utilizzo dell’email marketing.

Ecco quindi cosa NON devi utilizzare:

1. Prima di tutto NON SCEGLIERE per il tuo marketing online degli Autoresponder gratuiti.

Infatti una delle caratteristiche essenziali e’ conoscere la “Deliverability” del sistema che usi, cioe’ la percentuale di consegna delle email ai destinatari.

Negli autoresponder gratuiti e’ molto bassa, quindi molte delle email che spedisci non arriveranno mai a destinazione perche’ bloccate dai filtri anti-spamm degli Internet Service Provider (Google, Yahoo, Msn, Libero,  etc… cioe’ quelli che forniscono il servizio email e la casella di posta elettronica agli utenti ).

2. Inoltre NON INSTALLARE un software di gestione delle email sul tuo computer o sul computer aziendale e NON FAR PARTIRE da questo computer centinaia o migliaia di email per contattare i tuoi potenziali clienti.

Questo perche’ alcuni di questi utenti a cui mandi email potrebbero cliccare sul tasto “ Segnala come Spam “, anche se tu non stai facendo spam ma spedisci comunicazioni solo a persone e contatti che ti hanno autorizzato a farlo (nel tuo business non stai facendo spamm… vero? Te lo sconsiglio fortemente,sia perche’ e’ illegale, sia perche’ lede l’immagine della tua azienda).
Comunque tra i destinatari delle tue email ci sono sempre persone distratte che hanno dato il loro consenso ad essere contattate ma che poi non si ricordano o non aprono nemmeno l’email e ti segnalano come spam.

Se succede questo e’ possibile che gli Internet Service Provider di cui abbiamo parlato prima mettano IL TUO INDIRIZZO IP, cioe’ l’INDIRIZZO IP DEL TUO COMPUTER, in LISTA NERA: e allora hai chiuso, perche’ da quel computer non avrai piu’ la possibilita’ di spedire email perche’ verranno bloccate, poiche’ e’ stato segnalato che da quell’indirizzo IP e’ stato spedito spam.

Stesso discorso vale per i software che installi sul tuo spazio web: verra’ messo in lista nera sempre l’indirizzo da cui partono le email segnalate come spamm.

=======================
” E ALLORA COSA DEVO FARE ?? ”
=======================

Molto semplice: devi utilizzare un AUTORISPONDITORE (o AUTORESPONDER) PROFESSIONALE, che ti consenta di non farti segnalare come spam (poiche’ esso stesso segue delle politiche antispam molto rigide) e che faccia partire le email che mandi alla tua lista dai propri server (dell’autoresponder) e non dal tuo spazio web o addirittura dal tuo computer.

Inoltre deve consentirti di impostare automaticamente tutte le sequenza email che vuoi, che partano in modo automatico e che arrivino a destinazione “sane e salve”.

E non e’ fantascienza… 🙂 Questo servizio c’e’, esiste, e’ utilizzato dai migliori marketer del mondo e si chiama ” Aweber ” … ma di questo ti parlero’ in un prossimo post 🙂

5 comments

  1. @ Internet: Mailing List dell’ Azienda: cosa NON devi fare… | Online Web News on 5 dicembre 2008 at said:

    […] The rest is here: Mailing List dell’ Azienda: cosa NON devi fare… […]

  2. Ciao Ermes,
    cosa ne pensi di MailChimp,visto che tutti usano Aweber o Getresponse,mi sembra molto in ascesa.grazie max ps complimenti per il blog

    • Ciao Max,
      ho usato Mailchimp in passato per un cliente. Qui trovi una comparazione tra mailchimp e aweber: http://www.reginaldchan.net/aweber-vs-mailchimp-email-marketing-service/

      Mailchimp limita l’utilizzo per alcune categorie di business (nel senso che non lo puoi proprio utiizzare se hai un business che ricade in una di quelle categorie)

      Comunque come deliverability è meglio Aweber.

      Getresponse è veramente un buon autoresponder a livelli di Aweber, graficamente fatto meglio, con migliori template e un editor fatto molto meglio rispetto ad Aweber. Ma il GROSSO problema che ho riscontrato è che non ci sono automatismi che fanno passare gli iscritti da una lista all’altra (non so se al momento abbiano implementato questa feature)

      Per ora, anche se è un pò macchinoso e non proprio usabilissimo, io rimango con Aweber, che considero il migliore tra i 3.

  3. Matteo on 26 luglio 2015 at said:

    Ciao Ermes,

    volevo chiederti se con Aweber è possibere includere nelle proprie mail video youtube, ho provato getresponse ma non lo permettono, li ti fanno mettere solo il link..
    Ti ringrazio per la risposta.

    Saluti Matteo

    • Ermes on 17 agosto 2015 at said:

      Ciao Matteo, se intendi dire che vuoi inserire un video direttamente all’interno delle email non saprei cosa dirti, perche’ io non l’ho mai fatto.

      Ho sempre inviato il link per poi rimandarli su una pagina web, dove e’ integrato il video.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *