Read More… "/>

Marketing a Risposta Diretta - Vuoi fare la fine del rospo?

“Marketing Risposta Diretta:
Minchia… Quanta roba che c’e’ da sapere.
Ma da dove parto per non rischiare di andare in confusione?”

Questa e’ la domanda piu’ frequente che mi viene posta da un po’ di tempo a questa parte da tutti coloro che si approcciano allo studio del Marketing a Risposta Diretta per applicarlo alla propria attivita’.

Ora: non so se anche tu sei nella stessa situazione e se ti stai facendo la stessa domanda.

E non so se sei completamente digiuno di questi argomenti o se gia’ hai nozioni di marketing a risposta diretta e di copywriting.

Quello che so (e che hai capito anche tu) e’ che devi metterti l’anima in pace: se non vuoi che la tua attivita’ faccia la fine del rospo che attraversa la strada e rimane spiaccicato sull’asfalto, messo sotto da un TIR di 40 tonnellate chiamato “Crisi”, devi diventare un esperto di Marketing Risposta Diretta.

E devi applicarlo alla tua attivita’. Perche’ cosi’ prenderai le decisioni giuste che ti faranno raggiungere il giusto pubblico, con il giusto messaggio, proponendo l’offerta giusta.

Alla fine, tutto si riconduce a queste 3 cose: Giusto Pubblico, Giusto Messaggio, Giusta Offerta.

Se non sai come individuare con precisione questi 3 elementi e non sai scegliere il Mezzo con il quale comunicare il giusto messaggio e la giusta offerta al pubblico che hai individuato come il piu’ “responsivo”… Di cosa stiamo parlando?

Questa e’ l’essenza di ogni attivita’. Queste sono le basi.

Basi che sono state dimenticate.

Sara’ un caso che tutti coloro che NON seguono le basi sono in crisi, hanno difficolta’ a trovare clienti di qualita’ (o a trovare proprio clienti), hanno come unica strategia quella di abbassare i prezzi, lavorano come muli nella propria attivita’ per 16 ore al giorno solo per pagare lo stato e arrancano giorno dopo giorno con il quotidiano rischio di non riuscire ad alzare la serranda il giorno dopo ?

Se si vuole alleggerire il carico di responsabilita’ dalle proprie spalle per sentirsi meglio e illudersi per un po’, si puo’ sempre scaricare la colpa su qualcun altro o su qualcos’altro. Di scuse ce ne sono quante ne vuoi: “E’ colpa di… [scegli tu: Crisi, Stato, Tasse, Europa, Sindacati, Pluto, Paperino e Qui, Quo e Qua]

Ecco… Ti senti meglio, ora? Peccato che non hai risolto una beneamata “cippa” e la situazione rimane come l’ avevi lasciata all’inizio.

“Marketing Risposta Diretta: Ritornare alle basi”

E le basi sono :

  • Scegliere il giusto pubblico,
  • Ideare il giusto messaggio,
  • Fare la giusta offerta,
  • Scegliere il giusto mezzo per portare il tuo messaggio e la tua offerta al pubblico che hai scelto.

E questo non si fa con la pubblicita’ di immagine o con uno slogan “simpatico” da appiccicare al tuo business o con il marketing “creativo”. Non devi creare proprio un bel niente.

  • Se “crei”, ti allontani dalle basi.

Perche’ il tuo messaggio non sara’ preciso e non selezionerai un pubblico “target” catturando la sua attenzione parlando dei SUOI problemi.

Invece il tuo criterio di selezione sara’ “Tuttiigonziacuipiacelamiafigosapubblicitacreativa
chefatantobuzzechefaratantoparlareingirodellamiaazienda.Melohadettoilgrandegeniocreativo
pubblicitariochelhaideata!”…

Ma fai davvero sul serio?

  • Se “crei”, significa che non sai cosa devi fare, perche’ non hai la minima idea di cosa funziona e di cosa non funziona per farti arrivare clienti.

Percio’ non avendo alternative,  ti fai convincere che non sarebbe male imitare e prendere spunto da quell’idea pubblicitaria di “Ambient Marketing” del sottomarino emerso nel centro di Milano tempo fa e che ha fatto tanto parlare di se’ con lo slogan “Tutto puo’ accadere”

(a proposito… Ti ricordi mica chi era l’azienda o che cosa pubblicizzava? E soprattutto HAI COMPRATO come conseguenza di quella genialata di “Ambient Marketing” ?)…

Ecco: ti fai convincere a fare la “versione povera” di quel tipo di guerrilla marketing.

I miei complimenti: gia’ non funziona per un cazzo quando ci butti TANTI soldi… Figuriamoci se vai al risparmio!

Ma siccome questa idea e’ l’unica e la migliore che ti hanno prospettato e dopotutto la trovi “accattivante e simpatica”, ti piace e allora e’ SICURO come la morte che piacera’ pure ai tuoi clienti che si ricorderanno di te. E verranno a comprare da te.

Ripeto: ma fai davvero sul serio?

  • Se “crei”, significa che non hai la piu’ pallida idea di cosa stai facendo e dei risultati specifici che vuoi ottenere.

E allora i tuoi risultati diventeranno parole prive di qualsiasi consistenza reale.

Parole e frasi come:”viralita’”, “se ne sta parlando”, “stupire il cliente”, “essere innovativi”, “e’ una comunicazione d’impatto”…

Si’, ciccio, tutto bello… ma hai venduto?

  • Se “crei”, ti stai trasformando nel rospo che attraversa la strada.

L’antidoto per evitare la trasformazione in rospo e la sua fine ignominiosa e’ conoscere le basi del Marketing a Risposta Diretta e applicarle testando campagne di cui puoi tracciare e misurare i ritorni per sapere quale azione di marketing ti ha dato i risultati migliori.

Tornando alla domanda iniziale (cioe’ “Come faccio per non andare in confusione?”) quello che posso dirti e’ che, indipendentemente dal tuo livello di competenza e di conoscenza della materia, la cosa fondamentale e’ avere ben ordinata in mente la sequenza di “cose da fare” per applicare bene le basi.

Questo significa che e’ fondamentale mettere in ordine le idee, imparare a conoscere i pezzi del puzzle, a riordinarli e incastrarli tra loro.

Una volta compresa questa sequenza ed esserti fatto una idea della strategia generale da mettere in pratica, allora analizzi ogni singolo passo della strategia e lo approfondisci.

E inserisci queste nuove competenze specialistiche mettendole al loro posto all’interno del tuo “grande piano”, collegandole a tutti gli altri passi.

Questo modo di fare e di apprendere si riflette, ad esempio, nel mio approccio verso lo studio di qualsiasi cosa: dalla medicina alla musica al marketing a risposta diretta.

Cioe’:

Fase 1. Visione generale
Fase 2. Approfondimento di una competenza nello specifico

(es: Copywriting, Blogging, Costruzione Funnel di vendita, Upselling, etc.)

Fase 3. Ritorno alla visione generale

per integrare le nuove cose che ho imparato con tutto il resto.

Se stai iniziando da zero, e’ il modo migliore per capire e poter mettere in pratica con successo.

Se invece non sei alle prime armi con questi argomenti e gia’ mastichi un po’ di linguaggio e di concetti di Marketing a Risposta Diretta e Copywriting, quello che ti portera’ un enorme vantaggio e’ avere ben chiara in mente l’ Architettura di Marketing nella quale inserire le competenze che gia’ hai, riordinare al posto giusto e nella giusta sequenza “le cose da fare” e collegare insieme in modo ordinato i diversi “pezzi del puzzle”.

L’elemento in comune in entrambi i casi e’ avere ben chiaro in mente che percorso seguire.

E in Italia, questo percorso da seguire te lo da’ solo il Sistema del Marketing Automatico:

  • Sia per quanto riguarda la visione generale, l’architettura di marketing da costruire;
  • Sia per l’approfondimento di ogni singolo punto.

Dalla creazione della tua Unicita’, alla costruzione di campagne di mailing cartaceo, o di email marketing; da come creare “offerte che non si possono rifiutare” stile Il Padrino, fino al Copywriting (nel Clan c’e’ un corso completo formato da 9 moduli dedicati SOLO al Copywriting, di cui i primi 3 sono GRATUITI, forniti come Bonus al Sistema del Marketing Automatico)

Leggi cosa dice Marco Ciafrei, consulente finanziario e cliente del Sistema:

“Il Sistema del Marketing Automatico ti dice esattamente COSA FARE e DOVE ANDARE!”

marco-ciafreiCiao Ermes, sono Marco Ciafrei, e ti dico subito, di getto: grazie, grazie, grazie!

E sai perchè? Io, nel mio lavoro, faccio il consulente finanziario, avevo due grossi problemi:

1. Dopo 16 anni passati in banca come dipendente, dover resettare tutto, e ripartire come imprenditore di me stesso;

2. Se devo affrontare la giungla del mercato, mi serve qualcosa di nuovo, qualcosa di fresco, interessante e sopratutto qualcosa che nessuno o quasi ha mai fatto prima.

Ebbene se il primo punto di criticità l’ho risolto da solo, per il secondo c’è stato il tuo zampino!

Tutto nasce da un approccio alla vendita anticonvenzionale: all’inizio pensavo che fossi io il problema: non riuscivo a contattare i clienti, difficoltà ad avere appuntamenti, insomma, tra di me pensavo, “ …ho sbagliato tutto…”, e poi quasi per sbaglio, o forse no visto che ero in cerca, sono arrivato a te.

Il Sistema che hai costruito mi è piaciuto sin dalla sua presentazione: molto articolato, preciso e dritto al punto, pieno di esempi e casi pratici. Della serie: anche un bambino lo può fare…

Ci sono alcune parti che rivedo e riascolto molte volte ( bellissimo il fatto di poter scaricare i video e gli audio, sì da poterli risentire tutte le volte che vuoi…). Sono un perfezionista in questo senso, ma devo dire che il tuo sistema è altrettanto perfetto: grazie!

Prima di seguire il tuo percorso, lo scorso anno, mi ero affidato ad una società di telemarketing.

Benchè i titolari fossero preparati e molto bravi, i risultati prodotti da quella campagna non si sono rivelati tali: appuntamenti tanti, ma molti fuori target. Insomma un piccolo bagno di sangue, tanto che mi ero detto: “Ok… Faccio da solo e vediamo cosa succede, almeno non  butto soldi invano…”

Penso di aver fatto molta strada in avanti  da solo. E poi arrivi tu ed il tuo “Sistema del Marketing Automatico”: ora ho finalmente  una traccia precisa da seguire bene.

Grazie al tuo sistema, ho creato un mio blog personale che sta per partire, sto preparando delle campagne di lancio dei miei servizi e sopratutto, ho trovato una nicchia di mercato dove posizionarmi!

Di tutto quello che ho appreso nel tuo sistema, sicuramente l’analisi di mercato a monte, e la preparazione di campagne mirate a valle, prima ancora di qualsiasi telefonata è il vero punto di forza che ho riscontrato: nel mio lavoro, fatto essenzialmente di relazione, oltre che della solita e dovuta professionalità, è fondamentale sapere prima dove andare a  cercare.

Il tuo sistema va in questa direzione, ti dice esattamente cosa fare e dove andare… Meglio di così…

Io credo che oggi, se una persona lavora nel mondo del commercio, della vendita più in generale, DEVE avere un metodo, una traccia da seguire.

E il tuo Sistema è essenzialmente questo: devi capire che non sei arrivato, ma sei ancora un bambino che deve crescere e  il Sistema è la tua mano sicura, la tua guida.

Segui il Sistema del Marketing Automatico e arriverai esattamente dove vuoi tu!

Ancora grazie Ermes!

Marco Ciafrei
Consulente Finanziario
Bassano del Grappa
www.investibene.com  www.marcociafrei.it

Percio’ se anche tu

  • vuoi diradare la nebbia e eliminare la confusione che hai in testa sul “cosa fare” per far arrivare clienti in target che ti portano soldi sonanti in cassa,
  • vuoi avere un Sistema completo che ti insegni come creare campagne di Marketing Risposta Diretta per raggiungere il Giusto Pubblico, con il Giusto Messaggio, proponendo l’Offerta Giusta,
  • non vuoi fare la fine del rospo spiaccicato,

allora CLICCA QUI e acquista subito il Sistema del Marketing Automatico.

 

Scrivi qui i tuoi commenti:

commenti

2 comments

  1. Antonio on 11 dicembre 2014 at said:

    Vorrei passare dalla mia attuale condizione di lavoratore dipendente ad una mia attività autonoma da libero professionista, ma in un settore che non ha nulla a che fare col mio attuale lavoro. E un settore che conosco già abbastanza (i GIS) ma certamente non sono ancora un esperto. Non conosco neanche se esiste come dici tu un “giusto pubblico”.
    Poichè non sono così pazzo da licenziarmi se prima non ho una qualche certezza, come mi consigli di cominciare e soprattutto come posso testare se esiste un potenziale mercato e che tipo di servizi posso vendere ?

    • Ermes on 16 dicembre 2014 at said:

      Antonio, non ho idea di cosa siano i GIS e non si puo’ certo fornire una risposta esauriente in un commento, perche’ servirebbe fare una analisi approfondita del mercato, dei bisogni, della concorrenza.

      La risposta breve (che non ti soddisfera’, lo so ma… Tant’e’ 🙂 ) e’: inizia a studiare il marketing e diventa esperto di quello, oltre che del tuo settore.

      Perche’ solo cosi’ (avendo competenze e conoscenze specifiche del tuo settore E ANCHE di marketing) saprai come muoverti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *