Clicca "Mi Piace" e Condividi su Facebook!
  •   
  •   

Con la lead generation per trovare clienti non fai Spam

Ciao,

con questo post voglio rispondere ad una domanda che e’ arrivata e che puntava l’attenzione sul pericolo che potrebbe esserci, utilizzando la Lead Generation, di essere percepiti come “spammer” cioe’ come soggetti che inviano email e comunicazioni non richieste (questo lede grandemente l’immagine della tua azienda e, tra l’altro, e’ un reato…).

Infatti la domanda che e’ arrivata e’ questa:

” Solitamente, quando si acquisiscono mail attraverso internet, comunicare con i soggetti interessati, se non è come news letter, viene visto come spam e diventa difficoltoso contattare i clienti. Come risolvere il problema ?”

Cito uno stralcio del Bollettino del n. 39/maggio 2003 del Garante per la Protezione dei Dati personali (a cui poi seguira’ il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 – ”Codice in materia di protezione dei dati personali”, in cui si prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) ,
stralcio in cui si parla proprio di questa tematica, per cercare di inquadrare il discorso in modo piu’ completo (occhio alle parti in neretto, punti molto importanti e che ci interessano in particolare)

INVIO LECITO DI POSTA ELETTRONICA PUBBLICITARIA

Gli indirizzi di posta elettronica recano dati di carattere personale da trattare nel rispetto della normativa in materia (art. 1, comma 1 lett. c), legge n. 675).

La loro utilizzazione per scopi promozionali e pubblicitari è possibile solo se il soggetto cui riferiscono i dati ha manifestato in precedenza un consenso libero, specifico e informato.

(…)

Questo assetto, basato su una scelta dell’interessato c.d. di opt-in, è stato ribadito nel 1998 (con il d.lg. n. 171) prima ancora che una recente direttiva comunitaria lo estendesse a tutti i Paesi dell’Unione europea (n. 2002/58/CE in fase di recepimento in Italia, pubblicata sulla G.U.C.E. n. L 201 del 31 luglio 2002).

Questa Autorità si è pronunciata più volte in materia ribadendo che la circostanza che gli indirizzi di posta elettronica possano essere reperiti con una certa facilità in Internet non comporta il diritto di utilizzarli liberamente per inviare messaggi pubblicitari (cfr., ra l’altro, la decisione dell’11 gennaio 2001 – in Bollettino del Garante n. 16).

(…)

… è opportuna e va incoraggiata la prassi di alcuni fornitori i quali, dopo aver ottenuto realmente un valido consenso dei destinatari, danno semplice conferma della sua manifestazione, attraverso un messaggio volto unicamente ad annunciare il successivo inoltro di materiale pubblicitario. Tale prassi, se utilizzata correttamente, consente tra l’altro di verificare l’effettiva corrispondenza dell’indirizzo di posta elettronica ai soggetti che avevano espresso il consenso, nonché di accertare il permanere di tale volontà.

(…)

costituirà una pratica utile quella di garantire agli interessati la possibilità di inserire direttamente il proprio nome nelle diverse liste o di cancellarlo dalle stesse, magari attraverso un’apposita pagina web…

(…) “

Ora veniamo a noi: attraverso la Lead Generation tu acquisisci contatti che attivamente inseriscono i loro dati all’interno del form della  landing page.

In questo modo ti danno il loro consenso informato ad essere ricontattati (poiche’ nella landing page dici chiaramente che saranno ricontattati via email o telefono per aggiornamenti o proposte, etc. e che non cederai o venderai la loro email, ne’ che farai spam).

L’inserimento volontario dei propri dati per entrare a far parte della tua lista viene chiamato, in gergo, “OPT IN” ed esistono due tipi di opt in:

  • Single Opt In : colui che ha inserito nome ed email entra direttamente a far parte della tua lista
  • Double Opt In : colui che ha inserito nome ed email non viene inserito direttamente nella tua lista ma ricevera’ una email di conferma : all’interno di questa email di conferma dovra’ cliccare su di un link per  confermare sia che il suo indirizzo email e’ valido sia che e’ disposto a ricevere ulteriori comunicazioni da te.

Ad oggi, dalle informazioni in mio possesso, so che non e’ obbligatorio il double opt in, per cui anche chi costruisce la propria lista di contatti con il sistema del single opt in (in cui non deve esserci l’ulteriore passaggio dell’invio dell’email di conferma) e’ pienamente in regola (se tu sai qualcosa di diverso ti prego di farmelo sapere cosi’ da verificarlo ed aggiornare questo post) 🙂

Inoltre bisogna sempre dare agli iscritti della lista la possibilita’ di cancellarsi in ogni momento in modo autonomo, automatico e semplice.

Questo lo si fa includendo in ogni email anche un link che da’ la possibilita’ di cancellarsi, per non ricevere piu’ comunicazioni da te.

Tutte queste procedure vengono assolutamente rispettate in tutto il processo della Lead Generation.

Quindi stai tranquillo perche’ si svolge tutto nel rispetto della privacy:
non dovrai assolutamente fare spam 🙂

Naturalmente avere l’indirizzo email non ti da’ la facolta’ di inondare il tuo potenziale cliente con decine e decine di email (anche perche’ si cancellerebbe subito 🙂 ).

Se non chiudi subito la vendita dopo averlo contattato la prima volta, a seconda di quello che vendi o del servizio che offri, puoi inviargli informazioni, offerte, risorse utili tramite email e costruire una campagna di email marketing per portarlo piano piano all’obiettivo di farlo acquistare.

Ed e’ stato testato e confermato che utilizzare una corretta strategia di email marketing aumenta SEMPRE le percentuali di conversione del contatto in vendita .

Tu penserai: “Tutto cio’ e’ complicato e difficile da applicare “

Assolutamente no ! E’ la cosa piu’ facile di questo mondo !

Esistono infatti dei servizi e software che vengono chiamati “Autoresponder” o “Autorisponditori” (il migliore al mondo e’ Aweber, lo utilizzano in tutto il mondo i marketer piu’ famosi e le aziende per fare email marketing) che fanno tutto questo in modo automatico, senza che tu debba fare nulla e senza andare contro la legge.

Anzi sono degli strumenti INDISPENSABILI per fare Internet Marketing e fare Business Online in modo etico, trasparente e legale.

Sono INDISPENSABILI per fare Email Marketing: utilizzando un autoresponder con una strategie di email marketing ben definita vedrai le tue vendite aumentare in modo esponenziale…

Una volta impostate sono delle vere e proprie “Macchine Automatiche di Business

Nell’utilizzo degli autorisponditori bisogna distinguere cio’ che funziona e cio’ che invece e’ meglio lasciar perdere… ma ne parleremo in modo piu’ esteso nei prossimi post.

Clicca "Mi Piace" e Condividi su Facebook!
  •   
  •   
  •  

3 comments

  1. […] Ermes created an interesting post today on Fare Spam? Con la Lead Generation non c'e' pericolo | Internet …Here’s a short outlineSono INDISPENSABILI per fare Email Marketing: utilizzando un autoresponder con una strategie di email marketing ben definita vedrai le tue vendite aumentare in modo esponenziale… Una volta impostate sono delle vere e proprie “Macchine … […]

  2. […] Ermes created an interesting post today on Fare Spam? Con la Lead Generation non c'e' pericolo | Internet …Here’s a short outlineSono INDISPENSABILI per fare Email Marketing: utilizzando un autoresponder con una strategie di email marketing ben definita vedrai le tue vendite aumentare in modo esponenziale… Una volta impostate sono delle vere e proprie “Macchine … […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *